• .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .


Penelope Cruz

Venuto al mondo

Venuto al Mondo

Venuto al Mondo

Regia: Sergio Castellitto
Sceneggiatura: Sergio Castellitto, Margaret Mazzantini
Attori: Penélope Cruz, Emile Hirsch, Sergio Castellitto, Adnan Hasković, Pietro Castellitto, Saadet Aksoy, Luca De Filippo, Jane Birkin, Mira Furlan, Jovan Divjak
Produzione: Medusa Film, Picomedia, Alien Produzioni, Telecinco Cinema, Mod Producciones, Ziva Produkcija
Distribuzione: Medusa Film
Paese: Spagna, Italia, Croazia
Genere: Drammatico
Anno: 2012
Sito ufficiale: Sito ufficiale
Durata: 127 min

Trama:

Tratto dall’omonimo romanzo di Margaret Mazzantini, ‘Venuto al mondo’ è il film che riunisce Penelope Cruz e Sergio Castellitto dopo il successo di ‘Non ti muovere’. Una storia di grandi passioni e grande crudeltà in More

Cameron Diaz in “E’ grosso e non ci entra!”

Cameron Diaz, alle soglie dei quarant’anni, confessa la sua irrefrenabile voglia di sesso. “Sono pronta a viaggiare dovunque per un pene” ha affermato la bionda e sexy attrice americana. In realtà, il termine da lei utilizzato era ben più volgare. Cameron Diaz afferma di aver avuto continuamente fidanzati dall’età di 16 anni e negli ultimi anni si è imposta di non avere relazioni serie. E non sembra fermarsi alla voglia di organi sessuali maschili, perché la Diaz ha ammesso di aver avuto rapporti anche con le donne. “Amo il sesso e l’ho fatto con uomini, donne e anche da sola. Non sono lesbica, ma neanche sono contraria, basta che la mia partner sia bella e intelligente. Quando sei in crisi fare sesso più volte al giorno aiuta di più che ricorrere a droghe, alcol e medicine”.
Impegnata sul set del suo nuovo film, dal titolo “The Counselor”, Cameron Diaz ha come colleghi tre sex symbol come Brad Pitt, Javier Bardem e Michael Fassbender ammette candidamente: “Non ci fosse Penelope Cruz sarei sola con Mr. Mazza da golf (così come chiamato da George Clooney agli ultimi Oscar), con Mr. Wonderful’ e Mr. Biiiuuutiful. Ah, se i muri potessero parlare!”.
Si scopre, dunque, la More