• .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .
  • .


MOANA POZZI

Moana e il professore distratto.

Ammiriamo uno spezzone di uno dei film di Moana, che definiremmo tranquillo, infatti siamo rimasti anche noi sorpresi dall’interpretazione, un film così l’avrebbe potuto fare anche la Fenech degli anni d’oro.
Un professore impartisce ripetizioni a due ragazze presumibilmente liceali che devono sostenere gli esami di maturità, si parla di Schopenhauer e del contrasto fra anima e corpo, ma le ragazze propongono una nuotata e si… all’improvviso arriva la signora Rinaldi, una Moana bellissima.
Buona visione 😛

Videonoia: a corto di idee…

Dopo i tanti scoop degli ultimi giorni oggi siamo davvero senza idee, quindi vi proponiamo un video esclusivo, irr… ripetibile. Vi consigliamo davvero di non guardarlo, siamo veramente arrabbiati per aver messo un’obbrobbio simile e spacciarlo per qualcosa di… in effetti non è davvero nulla… non guardatelo. Pur di evitare qualche video stupido, trito e ritrito, preferiamo proporvi “videonoia”, il titolo da solo vale qualcosa.

Keyra Agustina: il lato B più bello della rete.

ZD YouTube FLV Player

Pare che abbia diffuso solo due video, ma il suo nome è diventato un mito della rete. Keyra Agustina è stata unanimemente definita come “il lato B più bello della rete”.

Keyra AgustinaIl suo fondoschiena conta milioni di fans ed i suoi video, sistematicamente tolti da Youtube e puntualmente inviati di nuovo, riscuotono sempre un successo clamoroso. Non solo: dei filmati di Keyra, circolano infinite versioni, quasi tutte taroccate, che scatenano i commenti degli intenditori che oramai sanno riconoscere anche i falsi meglio realizzati. Qualcuno sostiene che sia brasiliana, ma le notizie più attendibili la accreditano come Julieta Machado, una ragazza argentina che ha scelto questo strano pseudonimo. Keyra è diventata famosa per alcune fotografie e per video amatoriali che circolavano on line già dal 2004. Si ritiene che il More

Ebbene si, il monaco rattuso esiste: un prete a luci rosse palpeggiava spudoratamente le sue parrocchiane.

Palpeggiamenti, era questa la ricetta usata da un prete per guarire da tutti i mali, quando gli viene chiesto cosa rappresenta quella mano che tasta parti intime, lui risponde: è Gesù. Quantomeno blasfemo nelle sue affermazioni. Poi la curia ha trasferito il prete rattuso in un monastero, gli uomini ma soprattutto le donne, del paesello dove operava, sono insorte per la decisione, evidentemente Don Salvatore aveva delle qualità nascoste. Per la serie “u monaco rattuso”.