Impazza sul web da mesi la riedizione di un brano musicale il cui successo non può non destare almeno la curiosità, diciamo di carattere “sociologico”, di chi di cani si occupa.

Damme 'o cane - Enzo Romano

Damme ‘o cane – Enzo Romano

E’ un brano struggente, appassionato, accorato … un vero melodramma italiano, più precisamente, una tragica sceneggiata napoletana, non riusciamo ancora a decidere se appartenente alla migliore o peggiore tradizione …

Il titolo è: “Damme ‘o cane“.

Un uomo, distrutto dal dolore, accetta che la sua donna si sia portata via tutto, dopo averlo lasciato: ma il cane, no!.. quello non doveva portarselo!!! Sottrargli ANCHE il cane è stato un vero e proprio atto di crudeltà che gli provoca una sofferenza incontrollabile… E da qui nasce il lungo, lacerante, inconsolabile .. (sì, anche un po’ ‘interminabile’, diciamolo..) lamento dell’abbandonato, che soltanto una cosa vuole: … ” ‘o cane”!

“Tutto mi dovevi fare, tranne che portare con te anche il cane …!”… “Non mi fa più niente, se vedo l’armadio senza i tuoi vestiti, se intorno tutto mi parla di noi, mi manca il cane e non mi manchi tu…!” … “Fai quello che vuoi, stai con chi vuoi, qui non venirci più, ma dammi il cane…” … e così via, fino all’urlo finale: “Io voglio il cane, non m’importa nulla di te!”…. In conclusione: un vero strazio.

Uno strazio che però, a quanto sembra, diverte molto il pubblico. Soprattutto la versione di Enzo Romano, con scenografia addobbata da: barattolo di caffè, immancabile bomboniera di porcellana, elefante con tanto di  proboscide alzata (che dovrebbe portare fortuna, ma evidentemente non l’ha portata a questa coppia…) e, per concludere alla grande (!), foto del cane che, ovviamente, è un “lassie” … “Torna a casa Lassie” si è trasformato in “Ridammi Lassie … o finisce male” …(!!!)

Probabilmente questa canzone, che rappresenta una parodia del parossismo del sentimento d’amore per un cane, piace proprio perché è un raro ed imperdibile esempio di kitch, che fa l’occhiolino anche al trash… Lo ribadiamo: soprattutto nell’interpretazione di Enzo Romano; quella di Marisa Laurito presenta toni più soft ed una buona dose di affabile autoironia che rende il brano più godibile ad un più ampio e variegato pubblico (noi pensiamo… ).

La curiosità di fondo resta comunque quella di capire a chi piaccia questo brano, “chi” fa ridere: quelli che i cani li hanno e li amano o quelli che i cani non li hanno, non li amano e a cui, con ogni probabilità, piace vederli ridicolizzati?

(Abbiamo un sospetto …)

DAMME ‘O CANE (Testo in dialetto napoletano)

Musica di Salvatore Pirone

Testo di S. Cataneo

“Tutt’ m’aviv ‘a fa’
tranne d’ ‘t purtà appriessa pur’ ‘o cane.
‘Stu cane m’ha volute tropp’ bene
e nun è stato falso cumm’ a te…

Damm’ o’ cane!
Tienete tutt’ e cose e damm’o’ cane…
Damm’ o’ cane…
Fernisce malamente, damm’o’ cane!

Fa chell’ ca vuo tu
statte co’ chi vuo tu
ca nun ce venì cchiù,
ma damm’o’ cane!

Sta casa pare proprio ‘nu desert’
si veda ‘sto guinzaglio e ‘sta cuperta
ma ‘o cane nun ‘o ved’ attuorn’ a mme…

Damm’o’ cane!
Tienet’ tutt’ e cose e damm’o’ cane…
Damm’o’ cane…
I’ voglio o’ cane e nun m’emporta ‘e te!

[bau bau, abbai di cani]

Nun m’ fa’ niente cchiù
si ved’armadio senz’ a ‘rroba toia
si attuorn’ tutte e cose parlan’ e nui’
m’ manca o’ cane e nun m’ manchi tu…

Damm’o’ cane… [bau bau bau]
Voglio o’ cane… [bau bau bau]
Damm’o’ cane… [bau bau bau]

Fa chello ca vuo tu
statte co’ chi vuo tu
ca nun ce venì cchiù,
ma damm’o’ cane…

‘Sta casa pare proprio ‘nu desert’
si ved’ ‘stu guinzaglio e sta cuperta
ma o cane nun ‘o ved’ attuorn’ a me…

Damm’o’ cane!
tienet’ tutt’ e cose e damm’o’ cane…
Damm’o’ cane…
Io voglio u’ cane e nun m’emport ‘e te!

[bau bau, bau bau…]”

Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest